5 aprile 2011

Le non - bomboniere

La scelta delle bomboniere rimane per ogni coppia di giovani sposi un momento ostico e complicato!
Chi ha davvero intenzione di organizzare un evento alternativo senza sprechi inutili che alimenterebbero l'odioso affare dei matrimoni, dovrebbe essere ostile per principio all'idea di fare un regalo, per quanto piccolo sia, a chi prende parte al proprio ricevimento.
Gli infernali "ricordini", infatti, per quanto alternativi, confezionati in modo fai-da-te e semplici, hanno un costo davvero insostenibile per chi ha voglia di un matrimonio originale senza eccedere nelle spese.
Parliamo di minimo 20€ a bomboniera, per gli oggetti più semplici (e brutti...), considerando che c'è un costo per l'oggetto in sé, per i confetti, per la confezione e il confezionamento con nastri e nastrini vari.
Quindi la scelta alternativa è decisamente per le non-bomboniere!
Ma per evitare musi lunghi e rancore eterno da parte delle famiglie più tradizionali, si può optare per una sorta di compromesso!
Niente bomboniere ma quella che molti chiamano confettata, ossia la distribuzione dei confetti confezionati in modo carino così da diventare essi stessi una specie di bomboniera.
Ovviamente anche in questa scelta pseudo-tradizionale, per ottenere un risultato raffinato ma originale, bisogna assolutamente personalizzare il tutto rendendolo "vostro": avete letto il post sulla creazione di un logo dell'evento?
Bene, è il momento di usarlo! Si possono scegliere tante soluzioni, sbizzarritevi con idee e proposte semplici ma personali. Si può realizzare davvero tutto!
Ecco qualche suggerimento per ottenere un ottimo risultato!

Sacchetti per confetti colorati!
Di certo rimane ferma la regola che il confezionamento fai-da.te è la scelta più indicata per un matrimonio davvero alternativo! Un modo elegante e di facile realizzazione è far stampare dei bollini adesivi, una sorta di francobolli, con il logo e i vostri nomi, se vi piace potete inserire anche la data del matrimonio; il bollino adesivo sostituirà l'antico e ormai superato bigliettino che una volta si trovavano all'interno dei veli con i confetti.
Si può far stampare i bollini adesivi in qualunque eliografia o, cosa ancora più semplice ed economica, via internet per una cifra davvero irrisoria. Poi la scelta delle confezioni verrà fatta in base alla possibilità di utilizzare questi bollini come decorazione. Possono essere scelti degli scatolini di plastica trasparente con confetti bianchi e smarties colorati di una dimensione sufficiente per applicare il vostro adesivo; oppure potete scegliere dei sacchettini di carta per alimenti (tipo quelli dove si mette il pane) di forma triangolare, in modo che stiano in piedi, e sigillarli con il vostro adesivo; magari in questo caso optate per dei confetti rossi. Altra soluzione è l'utilizzo di scatole in plexiglass di svariati colori (leggermente più care) abbinate a confetti bianchi e, come sempre, il vostro bollino in bella vista. Insomma, spazio alla creatività!

Scatolini originali ed economici per i vostri confetti!
Contro i 20€ di cui si parlava all'inizio, una proposta del genere, ovviamente confezionata a casa da voi con l'aiuto di amici e parenti, non supera i 4€ a pacchetto, compresi i confetti, gli adesivi e la scatolina. Non è un bel risparmio? Vi assicuro che il risultato è davvero originale, elegante e, neanche a dirlo, super alternativo!

3 commenti:

  1. A proposito di confetti che possono diventare bomboniera vi consiglio di dare un'occhiata al sito www.torteartistiche.com dove alla pagina CONFETTI DECORATI potete vedere foto di confetti e magari prendere spunto per rendere bellissimi anche i vostri semplici confetti.

    RispondiElimina
  2. Recentemente sono stata al matrimonio di una mia amica che alle bomboniere tradizionali ha preferito devolvere dei soldi in beneficenza. Tuttavia non ha rinunciato alla confettata offrendoci, al momento della torta nuziale, confetti di vari gusti e colori in dei coni bianchi sui quali erano applicati dei fiorellini. Li ho trovati davvero carini.

    RispondiElimina
  3. Cara Francesca grazie della tua testimonianza! Spesso suggerisco soluzioni come quella che hai raccontato!

    RispondiElimina