1 dicembre 2015

Le 8 cose da evitare se vuoi un ricevimento davvero alternativo


E' cosa nota che nel mondo tradizionale dei matrimoni un ricevimento che si rispetti dura almeno 10 ore. Non importa che si contino morti e feriti, gente ubriaca o così sazia da rendere i bagni il luogo più densamente popolato dell'intera location, donne scalze e uomini scravattati. L'importante è
stupire a tutti i costi, come se il messaggio da sbandierare fosse: qui ce n'è per tutti e per tutti i gusti fino ad esplodere, perché noi non ci facciamo mancare niente. Appunto trattasi di approcci tradizionali, non certo alternativi. Ma che cosa va davvero evitato in un ricevimento alternativo che si rispetti?

1. Mai scegliere una location troppo lontana dal luogo del rito, civile o religioso che sia. Viaggiare da una parte all'altra in macchina, vestiti da cerimonia, magari con figli urlanti al seguito, o peggio con la nonna Carmela che soffre il mal d'auto, predisporrebbe male anche gli invitati più tolleranti. Inoltre troppo caldo, pioggia o traffico potrebbero essere imprevisti capaci di creare seri disagi se gli invitati sono costretti a percorrere lunghi e/o complicati tragitti.

2. Evitate i menù completi come generalmente proposti dai gestori delle location: sarebbe impossibile anche per i più allenati assaggiare tutto quello che viene proposto senza sentirsi male prima dell'arrivo della torta, e la spesa risulterebbe davvero impegnativa. Il segreto è affrontare la scelta del menù muniti di sano buon senso, dando importanza alla qualità di ciò che viene offerto piuttosto che alla quantità, che invece si traduce il più delle volte in spreco senza assicurare la soddisfazione dei vostri invitati.


3. Non affidatevi ad altri per l'allestimento della sala del vostro ricevimento, ma curate personalmente tutto, dalle decorazioni, al confezionamento di confetti, alla realizzazione di inviti e partecipazioni, privilegiando semplici creazioni fai-da-te... E se il tempo non ve lo permette, cercate quantomeno di seguire le persone che avete incaricato ad organizzare il vostro matrimonio.


4. Evitate i classici tavoli di matrimonio con composizioni, intrecci e incontri di invitati, che potrebbero rivelarsi scomodi, anche se accuratamente studiati! Prediligete ricevimenti friendly con tavoli di appoggio, divanetti e sedie in abbondanza e servizio finger food: gli invitati si divertono di più, sono liberi di scegliere i loro compagni di avventura, il ricevimento potrà essere più breve e spenderete molto meno!


5. Mai e poi mai lasciarsi convincere ad assoldare degli animatori musicali per occupare le pause del pranzo o della cena: sono pause. Punto. Servono a rilassarsi e a scambiare quattro chiacchiere. Gli animatori riempirebbero di rumore i momenti di relax vostri e dei vostri invitati, con una confusione ben lontana da ciò che la maggior parte delle persone riconoscono come divertimento. Se siete degli amanti della musica privilegiate musica di qualità, che sia o un sottofondo soft e piacevole oppure dei veri e propri intermezzi di ascolto musicale. Pochi, intensi e che raccontino di voi... Come evidentemente non farebbe una Macarena ballata con un animatore o animatrice urlante tutta sudata.


6. Basta torte bianche a infiniti piani! Scegliete la torta che più vi piace, di qualunque colore essa sia. Babà, sacher, pastiere o colorate crostate di frutta... Rompete gli schemi e divertitevi! E anche il momento della torta in questo modo vi apparterrà di più e renderà ancora più alternativo il vostro ricevimento di nozze!!


7. Evitate di invitare tutte, ma proprio tutte le persone che conoscete e che i vostri genitori vorrebbero al ricevimento delle vostre nozze. Per allestire un vero ricevimento alternativo il numero degli invitati non deve superare le 80 persone. Pensateci... Davvero una grande folla e delle persone che non vedete da almeno 10 anni renderebbero speciale la vostra festa? Piuttosto avere tanti invitati significa spendere tanti soldi e dover badare a tante cose in più per essere certi che tutto vada per il meglio.


8. E come ultimo punto, non certo per importanza, bloccate la durata del ricevimento a non più di 5 ore. Ripeto 5 ore. Solo così sarete sicuri di non aver organizzato un pranzo che avrebbe potuto sfamare l'intera Africa e di non aver speso un capitale. Ricordatevi sempre che la qualità di ogni ricevimento sta nella sostanza di ciò che si propone e nel modo in cui lo si fa, non certo nelle quantità! Less is more diceva qualcuno (la mia formazione di architetto ogni tanto prende il sopravvento...), ed è vero, persino nel mondo nei matrimoni... Quelli alternativi, s'intende!


2 commenti: